avena-cereale-discusso
Home » BLOG » Avena: cereale discusso

Avena: cereale discusso

L’avena è entrata a far parte della nostra alimentazione solo da pochi anni, benché da tempo faccia parte della tradizione culinaria dei Paesi del nord Europa.

Sicuramente, il motivo primario per apprezzare questo cereale è il suo alto contenuto in proteine e acidi grassi essenziali (acido linoleico).
La presenza di folati e di minerali quali il ferro, il manganese, lo zinco, il magnesio, il rame e il fosforo la rendono un alimento ricostituente ed energizzante.
Ricca in fibre, prolunga il senso di sazietà (modulando i picchi glicemici), è di sostegno alla funzionalità intestinale ed ha azione ipocolesterolizzante.

I beta-glucani in essa contenuta, inoltre, la rendono utile anche nel trattamento di altre patologie dismetaboliche come, ad esempio, il diabete (poiché ha un indice glicemico basso e aiuta a stabilizzare la glicemia).
Il dibattito sul consumo dell’avena da parte di pazienti celiaci o soggetti che devono limitare/evitare il contatto con il glutine, come nella fibromialgia, è ancora aperto.

Infatti, l’avena è un cereale naturalmente privo di glutine, ma la maggior parte di quella in commercio risulta contaminata da questa proteina.
La contaminazione può avvenire durante tutti i passaggi della filiera di produzione, a partire dai campi (dove possono essere presenti residui di coltivazioni precedenti di altri cereali con glutine) e dai vari processi di lavorazione (molitura, fioccatura, stoccaggio, ecc.).

È necessaria, quindi, attenzione nell’acquisto di avena certificata, le cui coltivazione e lavorazione vengono controllate in maniera stringente.
È importante anche non abusarne, cioè limitarne il consumo alla quantità corrispondente alla soglia di tollerabilità (estremamente soggettiva).

A fronte di possibili molecole pro-infiammatorie, l’avena contiene anche un gruppo di composti fenolici azotati, gli avenantramidi che hanno attività antinfiammatoria e che, quindi, possono contribuire a ridurre la flogosi sistemica e, di conseguenza, anche il dolore diffuso.

Team Nutrizione Associazione Scientifica Fibromialgia
Dott.ssa Edy Virgili
Dott.ssa Laura Calza
Dott.ssa Federica Calcagnoli